Estensioni – JazzClub Diffuso: al via la nuova rassegna che abbraccia quattro regioni Friuli Venezia Giulia, Veneto, Emilia Romagna e Lom-bardia

Estensioni  JazzClub Diffuso è il nome della nuova rassegna organizzata da Slou Società Cooperativa, realtà nata nel 2020 dall’unione di alcuni professionisti dello spettacolo tra Friuli Venezia Giulia ed Emilia Romagna.

Il progetto è frutto di  una riflessione nata dagli eventi dell’ultimo anno di pandemia che hanno portato a ripensare gli spazi dedicati alla musica e di conseguenza l’approccio alla programmazione. Il jazz club è da sempre uno dei momenti chiave nella formazione e nella nascita di questo genere musicale e delle culture a questo collegate, il ruolo di aggregazione sociale e di sperimentazione creativa. La sfida è portare questa formula lontano dai centri urbani, e presso un pubblico che non ha storicamente avuto occasione di vivere queste esperienze nel proprio territorio. 

Una programmazione che si svolgerà geograficamente lungo terre di confine – storico, culturale, etnico e anche religioso – che esplorerà diverse anime e sonorità del jazz, in dialogo con musica elettronica, classica, contemporanea, folk, world music e altro ancora.

evento friuli estensioni jazzclub diffuso al via la nuova rassegna che abbraccia quattro regioni friuli venezia giulia veneto emilia romagna e lom bardia estensioni jazzclub 1400x787 Estensioni   JazzClub Diffuso: al via la nuova rassegna che abbraccia quattro regioni Friuli Venezia Giulia, Veneto, Emilia Romagna e Lom bardia

Le località scelte sono zone di confine, collegate da tracciati percorsi dall’uomo sin dai tempi più remoti e che si sovrappongono sia con la “via dell’ambra” che collegava il Baltico all’Adriatico, sia con le antiche strade romane (la Via Annia, per esempio, che dal confine con la Slovenia giungeva sino alla laguna e si collegava con la Romea Strata che conduceva alla capitale). 

Il primo appuntamento è a Schio: in collaborazione con “A Love Supreme”, festival di musica improvvisata diretto da Francesco Cigana, con il patrocinio e il supporto del Comune di Schio, si sono pensati tre eventi all’insegna dell’improvvisazione e delle performance site specific (tutti con inizio alle 18.30). 

Al via domenica 30 maggio nella chiesa di San Francesco con la violinista Virginia Sutera. Il 6 giugno, nelle sale del museo di Palazzo Fogazzaro, sarà la volta di Luca Perciballi, chitarrista modenese dall’attitudine sperimentali. Il 13 giugno, infine, negli spazi industriali del Lanificio Conte, set solista per clarinetto basso e altri strumenti a fiato del più che noto Marco Colonna.

evento friuli estensioni jazzclub diffuso al via la nuova rassegna che abbraccia quattro regioni friuli venezia giulia veneto emilia romagna e lom bardia als alovesupreme logo 1400x990 Estensioni   JazzClub Diffuso: al via la nuova rassegna che abbraccia quattro regioni Friuli Venezia Giulia, Veneto, Emilia Romagna e Lom bardia

I posti sono limitati: è gradita la prenotazione alla email alovesupremefestival@gmail.com . Info al 348 5632840. Gli eventi sono organizzati nel rispetto delle normativa anti covid-19.

La direzione artistica di Estensioni  JazzClub Diffuso è a cura di Luca A. d’Agostino, giornalista, fotografo con un’esperienza più che trentennale nel mondo del jazz.

Il progetto prosegue nell’attività di Estensioni, manifestazione nata nel 2015 all’interno del festival Music In Village, organizzato a Pordenone dall’Associazione Complotto Adriatico come sezione dedicata ad altre forme artistiche, tra jazz, musica classica contemporanea e musica elettronica, al di fuori del territorio di Pordenone e di spazi abitualmente pensati per lo spettacolo. Questo percorso ha portato nel corso degli anni ad esplorare nuove forme di intrattenimento musicale, con concerti a “basso impatto”, ambientale ed acustico, realizzati nelle zone della Laguna di Marano (UD) e in boschi planiziali della bassa pianura friulana fino a Muggia, oltre ad eventi in contesti più tradizionali come auditorium o gallerie d’arte. 

Previous Post
Next Post

Rispondi