due giorni, due palchi, due celebrazioni a Time Warp 

Dopo i festeggiamenti per il suo 30esimo , venerdì 25 e sabato 26 ottobre 2024 il festival Time Warp torna al Maimarkt di in Germania per un'altra importantissima celebrazione: il 60esimo compleanno del leggendario Sven Väth.

L'edizione autunnale di Time Warp è iniziata nel 2021 durante la pandemia: è stata accolta così bene da diventare da subito un must. Quest'anno, Two Days Two Stages si trasforma in Two Days Two Celebrations, per celebrare i 30 anni di Time Warp ed i 60 anni di Sven Väth.

Venerdì 25 ottobre il compleanno di Sven Väth – esibitosi per la prima volta al Time Warp nel 1995 – sarà celebrato in un unico palco nella Maimarkthalle e suonerà insieme a , &ME e Rampa (Keinemusik) e a Charlotte de Witte e ad Enrico Sangiuliano, questi ultimi in modalità b2b e Cassy

Sabato 26 ottobre si terrà la seconda parte dei festeggiamenti per i 30 anni di Time Warp con i consueti due palchi: per celebrare un'occasione così speciale è stata concepita una line up formata da pesi massimi della console e talenti emergenti. In cartellone fuoriclasse del calibro di Adam Beyer, Indira Paganotto, Reinier Zonneveld e Vintage Culture. Talenti già affermati quali Alignment, Cera Khin, Miss Monique e Nico Moreno faranno altresì il loro debutto al Time Warp.

evento friuli due giorni due palchi due celebrazioni a time warp time warp flyer due giorni, due palchi, due celebrazioni a Time Warp 

L'edizione autunnale di Time Warp sarà qualcosa di assolutamente stellare, un nuovo esaltante capitolo di una storia che la scorda primavera ha radunato più di 30mila persone da tutto il mondo, per un festival durato 30 ore e che va visto esibirsi oltre 70 artisti. Ad inizio maggio si è svolto Time Warp Brasil a San Paolo; questo autunno, oltre all'edizione nella casa madre di Mannheim, ci sarà il debutto a Madrid e la settima edizione a New York

Ticket ed ulteriori informazioni sul sito di Time Warp. Meglio assicurarsi da subito i propri biglietti, prima che siano sold out. 

foto di Marko Obradovic Edge

Previous Post
Next Post

Rispondi